Ex Esselunga: la spesa a chilometro zero

Farmer MarketIL NOSTRO PROGETTO SULLO STABILE EX-ESSELUNGA

L’idea di mantenerne la destinazione commerciale ci è venuta sia dalla posizione strategica in cui si trova sia dal fatto che nella mente dei castellanzesi quel fabbricato non ha mai trovato una nuova vocazione: in tanti anni molti progetti (o presunti tali), ma non uno che avesse veramente gambe per camminare, segno che per nessuno di essi vi era l’equilibrio tra utilità sociale e costi economici. In altre parole, nessuna destinazione d’uso così innovativa o convincente da riuscire a diventare realtà.

Noi abbiamo pensato di interpretare la vocazione commerciale e la grande versatilità di quello spazio per intercettare nuovi modi di consumo e di acquisto; il Mercato degli Agricoltori, conosciuto anche come FARMER MARKET, è un luogo dove i consumatori possono acquistare prodotti provenienti direttamente dalle aziende agricole. Nasce nell’ottica della promozione delle relazioni tra i cittadini, la trasparenza e l’equità della vendita dei prodotti agricoli e della promozione di modelli di sviluppo sostenibile, con iniziative per favorire l’incontro tra domanda e offerta di prodotti agroalimentari tradizionali e di qualità. L’obiettivo è, quindi, quello di fornire a produttori e consumatori un’opportunità per accorciare la filiera d’acquisto, riducendone i passaggi intermedi e conseguendo in tal modo un duplice scopo: garantire una remunerazione soddisfacente al produttore e contenere i costi a carico del consumatore. Questa soluzione offre quindi al produttore locale nuove opportunità di vendita e di sviluppo della propria attività anche grazie alla attenzione che viene portata verso un modo di vita più naturale: la conoscenza delle aziende agricole e zootecniche che si sviluppa nel tempo può portare alla creazione di iniziative per il tempo libero o la ristorazione, con benefici sia per il produttore che per il cittadino.

Il consumatore può percepire direttamente la qualità dei prodotti locali, di quelli biologici e a denominazione d’origine potendone apprezzare la stagionalità. Tramite la riduzione della filiera, si auspica un effetto positivo sui prezzi al consumo dei prodotti agricoli e loro trasformati, nonché sull’inquinamento atmosferico derivante dal trasporto delle merci. Infine, attraverso attività didattiche e dimostrative da realizzare nell’ambito del mercato o presso le aziende agricole e zootecniche si persegue l’obiettivo di diffondere l’educazione alimentare, l’informazione al consumatore, maggiori conoscenze del territorio e dell’economia locale, occasioni per passare il tempo libero e sviluppare altre attività a contatto con la natura.

La creazione di nuove opportunità di vendita per i prodotti agricoli può portare al riutilizzo di aree verdi anche all’interno del nostro Comune: con un occhio di riguardo all’aspetto paesistico non è fuori luogo pensare alla realizzazione di serre che possano garantire la produzione orticola per tutto l’arco dell’anno e costituire fonte di occupazione per giovani e meno giovani. Come già avviene in numerose realtà del settore agricolo, l’attività orticola può essere l’occasione per introdurre nuove soluzioni per la produzione di energia tramite ad esempio la posa di pannelli fotovoltaici sulle coperture o l’uso di materie prime rinnovabili (ad es. il legno) per la produzione di energia durante la stagione fredda.

Il progetto richiede la costituzione di una associazione di consumatori e potrebbe  snodarsi secondo le seguenti fasi:
1. predisposizione del catalogo di offerta potenziale (categorie merceologiche e aziende produttrici), corredato da una serie di ipotesi operative (orari di apertura, frequenze, ecc);

2. pensare con gli operatori a eventuali modifiche alla struttura dello stabile;

3. valutare le adesioni potenziali tra i cittadini;

4. elaborare atti costitutivi dell’associazione di consumo (statuto e regolamento) ed esecuzione dei lavori dell’ attività operativa.

All’ attività di compravendita tra associati crediamo che nel tempo possano affiancarsi – dato che lo spazio non manca – altri servizi al consumatore; pensiamo in particolare alle nuove forme di consulenza indipendente ‘a sportello’ a costo contenuto che possono essere erogate da professionisti per aiutare i cittadini a valutare meglio situazioni, occasioni e problemi di natura specialistica prima di rivolgersi in via definitiva ad un professionista (avvocato, commercialista, notaio o altro).
I professionisti selezionati con bando pubblico sarebbero pagati dal Comune; il cittadino acquisterebbe un ‘buono’ a prezzo calmierato da spendere presso il centro di consulenza in una delle materie coperte. Non ci sarebbe nessuna vendita di prodotti (finanziari, assicurativi o altro) ma solo supporto conoscitivo e decisionale all’utente che deve scegliere tra quanto trova sul mercato o valutare se rivolgersi ad un professionista presso il suo studio privato. Questioni quali ad esempio i problemi con i vicini, il proprio piano previdenziale, i risparmi per i nipotini, l’acquisto di una nuova abitazione, i rapporti di lavoro, potrebbero essere affrontate con il supporto di queste persone che aiutano il cittadino a destreggiarsi tra proposte, offerte, incertezze e a prendere una decisione consapevole e ragionata.
Altri servizi, di tipo più tradizionale, potrebbero trovare ospitalità e garantire operatività continua alla struttura, come ad esempio ludoteca e baby-parking, bar e ristorazione, intrattenimento o ancora sede per qualche associazione (ad esempio la Bocciofila) con il risultato di creare una vera e propria galleria di acquisto al servizio delle famiglie e un luogo dove trovare occasioni di svago e di incontro.

AGGIORNAMENTO: Abbiamo chiesto e ottenuto una visita all’edificio dell’Ex-esselunga per verificare le sue condizioni attuali. Il giorno 27.7.2011 ci è stato finalmente permesso di entrare; riassumendo molto possiamo dire che lo stabile è in pessime condizioni. Noi però non ci arrendiamo: abbiamo già preso contatti con membri della Coldiretti che potrebbero valutare il progetto del Farmer Market. Ci riaggiorniamo a settembre!

Annunci
  1. 19 giugno 2011 alle 15:37

    Mi pare un’ottima idea, anche perchè si troverebbe a metà del paese e sarebbe raggiungibile dalla parte alta che dalla parte bassa dei cittiadini….avevo già suggerito una cosa del genere all’assessore del commercio della scorsa gestione amministrativa, ma aveva ideee troppo grandi e che non sarebbe servito a nulla per Castellanza.

  2. federica
    2 agosto 2011 alle 21:12

    La spesa a Km zero è sicuramente una ottima cosa !!!
    Ed anche i pannelli fotovoltaici e le serre
    Una cosa però non ho capito: poichè si parla di “compravendita tra associati” vuol dire che il consumatore che acquista deve essere iscritto/socio? funziona un po’ come i GAS (Gruppi di Aquisto Solidali)?

    • 3 agosto 2011 alle 23:50

      Per Federica: nel nostro programma avevamo individuato la formula degli associati per superare un divieto di non concorrenza che sembrava gravare sullo stabile (sembrava, infatti, che cedendo lo stabile al comune Esselunga avesse posto come clausola che l’edificio non fosse usato per un’attività commerciale concorrenziale a Esselunga stessa). Ad una verifica più approfondita sembra invece che questo divieto non ci sia, per cui si può pensare ad una vendita libera con la formula del Farmers Market.

      Le serre abbinate al fotovoltaico sono un sistema per cercare di rendere produttive le aree agricole, generare al contempo nuova occupazione e avere minori costi per l’energia elettrica.

  3. 3 dicembre 2018 alle 19:03

    Hi there everybody, here every person is sharing these familiarity, therefore it’s nice to read this blog, and I used to pay
    a visit this weblog all the time.

  1. 5 marzo 2012 alle 22:16

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: